Imprenditore di successo, unico candidato del Savuto, ha deciso di restare in Calabria per rilanciarla con il lavoro e l’industria

Perché mi sono candidato? Per dare un esempio. Per testimoniare che, se si crede veramente e profondamente nella necessità di un cambiamento, bisogna anche metterci la faccia. Perché se si avverte l’esigenza di farlo, bisogna anche trovare il coraggio per farlo. Perché fino a che non avrò almeno provato in prima persona non avrò più titolo per lamentarmi – dice Arturo Crispino candidato nella lista “Io resto in Calabria” a sostegno di Pippo Callipo.

E perché adesso? Perché condivido principi e valori di Pippo Callipo. Perché oggi si è presentato un progetto credibile da parte di chi ha dimostrato e dimostra che in Calabria si possono costruire grandi cose senza cercare scorciatoie e compromessi. Per questo è adesso che c’è più che mai bisogno di sostenere e dare forza a chi da anni si batte per la legalità in una Regione dove il malaffare è troppo spesso tollerato.

“Io resto in Calabria” – conclude Crispino – è un incubatore delle idee di persone per bene, concrete, coraggiose, che come me hanno deciso di affrontare questa sfida con spirito di servizio e non per ambizioni personali. E con Pippo Callipo alla guida della Regione quelle idee potranno finalmente essere realizzate a beneficio della collettività.

Chi è Arturo Crispino

Avvocato e socio, insieme al fratello Antonio, di Calabria Food, azienda di famiglia, oggi realtà in crescita grazie all’ apporto illuminato e l’impegno concreto e fervido, perseguendo una filosofia che privilegia il piacere del cibo di qualità, il valore della tradizione, i legami con il territorio e nello stesso tempo con lo sguardo rivolto al futuro, all’ innovazione e ai mercati esteri. Ha conseguito brillantemente la laurea in Giurisprudenza a Perugia, e frequentato un Master in Marketing e Comunicazione alla Guido Carli Luiss di Roma e stage lavorativo in Irlanda ma è sempre rimasto in Calabria proprio per l’amore incondizionato per questa terra e per la voglia di farla crescere. E’ fondatore di “idee in movimento.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *